9 febbraio 2016 Beentouch

Come fare le domande giuste per ottenere le risposte che vuoi

Share
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La curiosità di fare le domande giuste

Siamo sempre alla ricerca di risposte. E le domande?

Fin da piccoli esploriamo il mondo inventando ed esprimendo domande su più o meno ogni cosa. Da bambini ci appelliamo all’esperienza dei più grandi per trovare elementi che ci aiutano ad interpretare il contesto in cui viviamo. Ed è il periodo in cui facciamo le migliori domande! Senza paura di scoprire ci interroghiamo su cose che all’apparenza possono essere ovvie, nutrendo la sete di conoscenza che ci caratterizza come esseri umani.

E poi?

La scuola, le prime relazioni sociali ed i primi condizionamenti modificano la nostra capacità e libert di fare domande nel modo giusto. Iniziando a confrontarci con le altre persone e con ciò che ci viene insegnato perdiamo la capacità di porre domande autentiche e che ci guidino verso la risposta che desideriamo. Con gli amici o a lavoro, se ci pensate, le domande sono l’elemento che ci permette di trovare informazioni ed essere a conoscenza di ciò che gli altri provano, pensano e tanto altro.

Le domande sono la chiave di lettura di tutti gli aspetti della vita.

Immaginate di essere di fronte a tante serrature e di poterle aprire con lo stesso mazzo di chiavi. È importante affinare la conoscenza sul come si fa una domanda in base al contesto per ottenere la risposta che realmente vogliamo. Sono uno dei componenti più importanti di una buona comunicazione.

Vediamo di capirci di più:

I 4 tipi di domande:

Chiarificatrici

Sono tra le più potenti ma allo stesso tempo tra le meno utilizzate, forse per paura di dimostrare che non si sta ascoltando bene. Servono ad interpretare meglio ciò che l’altra persona sta esprimendo. È assolutamente legittimo chiedere “Puoi dirmi di più?”, “Potresti fornirmi più dettagli?” durante un discorso.

Adiacenti

Questo tipo di domanda serve ad estendere il campo di azione di ciò di cui si sta parlando. A volte, trovare delle analogie con campi diversi ma vicini all’argomento di discussione porta a trovare nuove idee e spunti interessanti. Ad esempio: “Come si applica questa tecnica a quell’altro tipo di esercizio?”, “Come pensi la prenderebbe Marco?” sono domande che rientrano in questa categoria.

“Ad imbuto”

Questa tipologia di domande è efficace per esaminare a fondo una questione. Partendo da un punto di vista generale si può via via scendere nei dettagli per avere una visione più completa di ciò di cui si sta parlando. Ad esempio: “Quale sarà il prossimo passo dopo aver iniziato?” o “Come cambieremo strategia tra il primo ed il secondo tempo della partita?”. Anche quando si ha già un’idea generale dell’argomento, conoscerne i dettagli è sempre un bene.

A lungo raggio

Con le tipologie di domande che abbiamo appena descritto si può accedere ad un grado di dettaglio molto preciso. Non significa però che si possa perdere la visione di insieme! Le domande che rientrano in quest’ultima categoria funzionano un po’ come un elicottero che sorvola l’area di azione. Riportando il campo ad una visione di insieme permettono di fare collegamenti tra le cose, fondamentali per capire il discorso nella sua totalità. Esempi sono: “Come il fattore A influenza le scelte prese sul fattore B?”, “Se dico questo a Martina farò pace con lei. Ma cosa accadrebbe quando riferirò a Roberta?”, “Abbiamo una strategia di attacco formidabile, ma come copriamo la difesa?” e così via.

In generale, in un mondo in cui siamo sommersi di domande, risposte ed informazioni, è fondamentale conoscerne il linguaggio e le dinamiche. Un consiglio quasi sempre valido è di procedere con domande generali verso altre via via più precise.

L’importanza dell’ascolto

L’altro lato della medaglia è il saper ascoltare. Chiedere nel modo più utile ad ottenere le risposte che vogliamo è ottimale, ma solo se siamo in grado di ascoltare attivamente saremo in grado di capire cosa ci viene dato in risposta.

A proposito di domande

Ne abbiamo una per voi: avete gi scaricato Beentouch dispositivo?
Qui ci sono le nostre Domande Frequenti. Per altre informazioni o curiosità potete scriverci a info@beentouch.com, saremo felici di rispondervi!


Share
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Tagged: , , , , ,