24 Marzo 2016 Beentouch

Cos’è il co-living e perché cambia tutto

Share
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  

21-03 am_BLOG

Co-living: uno stile di vita

Nel mondo veloce ed interconnesso di oggi è facile iniziare progetti che non vengono più realizzati nei classici uffici ma in situazioni diverse. Soprattutto tra i giovani e tra chi porta avanti una startup può concretizzarsi un modo di vivere in cui collaborazione e condivisione si trovano alla base.

Cos’è?

Più del co-working

Trattasi del co-vivere, traduzione italiana del co-living che nasce per realizzare un ambiente domestico stimolante che permetta, in un determinato periodo di tempo, ai propri residenti (provenienti da tutto il mondo), di essere ideatori ma anche partecipanti di nuovi progetti. Se aree di lavoro condivise sono ormai comuni tra acceleratori, incubatori d’impresa ed aree di innovazione, i luoghi di co-living ne sono la naturale evoluzione. Vere e proprie abitazioni attrezzate dove si diventa coinquilini e colleghi.

Perchè nasce?

Inoltre è anche un modo per risparmiare, infatti consente di vivere in maniera ragionevole grazie alla condivisione di spazi, risorse e spese.Un favoloso stile di vita che si sta espandendo lentamente in Italia, affermandosi, sempre di più, al di fuori di essa. Dunque si può avere a disposizione una struttura dove poter vivere, studiare e lavorare.

La formula è semplice: contenimento delle spese, condivisione degli spazi e concentrazione sul lavoro. È un modo di vivere che si sta espandendo lentamente anche in Italia, affermandosi, sempre di più, al di fuori di essa. Inoltre si ha la possibilità di lavorare e conoscere nuove persone interessanti, che magari diventino co-founder o collaboratori.

Chi lo sceglie?

Ma chi sceglie il co-living? Di solito sono persone (imprenditori, artisti, creativi, viaggiatori) che amano essere attorniati da nuovi stimoli per poter raggiungere sempre nuovi obiettivi. Hanno un interesse comune e si organizzano per gestire insieme risorse, attività, progetti, facendo aumentare la realtà esterna. In che modo? Organizzando iniziative culturali, eventi, workshop, e offrendo la possibilità di far conoscere il mondo in cui vivono.

È una vita veloce

Chi decide di vivere questa esperienza, probabilmente condurrà una vita frenetica quindi, in diverse situazioni avrà sicuramente avuto difficoltà nel comunicare con i propri affetti, trovandosi distanti  da casa. Beentouch è progettata per supportare anche “loro”.

Chi decidere di vivere questa esperienza, probabilmente condurrà una vita frenetica caratterizzata da sessioni di lavoro brevi, veloci e in comunicazione con altri componenti del team molto lontani, spesso in paesi diversi da quello in cui ci si trova. Il co-living si sceglie anche per poter abbracciare appieno le possibilità di una particolare città e quindi ci si sposta spesso dalla “casa comune”. La comunicazione in mobilità la fa da padrone!

Co-living in Italia

Una vera realtà di co-living italiano si può trovare a Matera. Colui che l’ha fondata è Andrea Paoletti, nominandola “La comunità del fare”, all’interno una bella atmosfera dove è diffuso lo “scambio dei saperi”.

Viaggio del futuro

Co-living, sarà il “Viaggio del futuro” in cui giovani professionisti si incontrano in ogni parte del mondo, scambiando e ricevendo consigli utili per i propri progetti, lavorando per un obiettivo comune esprimendo le doti artistiche, vivendo quindi in comunità senza avere il problema di trovarsi distanti, perchè ci sarà sempre un filo virtuale che li metterà in comunicazione attraverso Beentouch!


Share
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
Tagged: , , , , , , , ,